Input your search keywords and press Enter.

“Cibi e Convivi nell’età dei conflitti religiosi”: giovedi 22 secondo incontro per Expo2015 a cura di Allegrini

incontri-allegriniProsegue il percorso di “Paesaggi e contrasti”, il ciclo di incontri organizzati da Allegrini come tappe di avvicinamento ad EXPO 2015, volto a sigillare il proprio legame con la terra, esaltare il ruolo fondamentale dell’opera dell’uomo nella salvaguardia dei patrimoni ambientali e studiare i contrasti che spesso la natura porta nel proprio essere, fino ad esaminarne gli aspetti più elevati di un Paesaggio da tutelare e difendere come risorsa.

Il secondo appuntamento ruoterà attorno a quanto accaduto alla dimensione comunitaria dei cibi e dei convivi in quella che è stata definita “l’età dei conflitti religiosi”. Saranno esaminate la funzione identitaria dello stare a tavola, la messa in discussione della non accettazione dell’altro, della non tolleranza, drammatico pretesto di guerre e terrorismo, purtroppo tema attuale anche in questi giorni durante i quali abbiamo assistito a gravi attacchi alla libertà e al rispetto delle diversità. La giornata sarà infatti dedicata a tutte le vittime di Parigi.

Studiando quello che accomuna le diverse civiltà e religioni in termini di scelta e significato dei cibi, preparazioni e rituali, tempi e luoghi sacri connessi all’alimentazione, vengono invece messi in risalto la condivisione e l’accettazione come valori da onorare.

Il Professor Renzo Guolo, sociologo esperto di Islam italiano ed europeo, collaboratore per molte testate nazionali, terrà l’incontro assieme a Anna Vanzan, iranista e islamologa docente all’Università di Milano, al Master M.I.M. Ca’ Foscari University e al Master europeo on line EUMES (Gender and the Mediterranean), Michele Campos della Scuola di Cucina del Ghetto di Venezia e Gianni Moriani docente al Master in Cultura e Cibo all’Università Ca’ Foscari di Venezia.
A far da cornice a “Cibi e convivi nell’età dei conflitti religiosi” previsto per i giovedì 22 gennaio, evento aperto al pubblico al quale è possibile partecipare su prenotazione, sarà Villa Della Torre Allegrini, palazzo rinascimentale esempio di una cultura basata sulla tolleranza, luogo dove la nobile famiglia Della Torre accoglieva eretici, riformatori, dando prova di un lungimirante senso di rispetto delle Culture e Religioni, silenziosamente combinate nella splendida Villa opera di Giulio Romano.  Da qui lo sdegno per ogni forma di violenza e l’esigenza di un vero incontro fra culture attraverso il cibo, le simili ritualità, il momento del convivium.

Continuando il percorso attraverso temi cari ad Allegrini, “Paesaggi e Contrasti” affronterà un approfondimento in merito a “Lo svelarsi del Paesaggio dell’Arte fra incanto e dolore”. Nel mese di marzo al centro sarà proprio la viticoltura con “L’Italia Paese di Vigna: l’evoluzione, la bellezza e il rischio”, “Il Nutrimento come racconto dell’identità” fino a dare conclusione al ciclo, alle porte dell’inaugurazione dell’esposizione milanese, con una lectio magistralis di Philippe Daverio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi